Come Collegare una Carta di Credito a PayPal: la Guida Completa

La comodità del pagare online (e non solo, ormai) con il proprio account Paypal, è da tanti anni facilitato dall’integrazione, da parte della maggior parte degli e-commerce, del pagamento tramite il sito nato in concomitanza con Ebay. Così viene facile, quando si è in possesso di carte di credito, di debito o persino di conti correnti, di volerli collegare a Paypal per comprare qualcosa su internet nel giro di 2-3 click. Ma come si collega una carta di credito a Paypal? È possibile?

Carte di credito e Paypal: si, ma con dei ma

Quando si parla di carte di credito, complice la fama che si sono guadagnati astronomici conti in rosso mai saldati, c’è sempre una certa resistenza negli ambienti online. Paypal non è esattamente morbida nel trattare i proprietari di carte di credito, e l’istituto con sede a San Jose pone delle limitazioni semplici, ma efficaci, così da poter trattare eventuali problemi con celerità.

I circuiti accettati da Paypal sono pressochè tutti i principali, infatti dalla lista si legge: MasterCard, Maestro, Visa, Visa Electron, American Express, Aura, Discover. Sono accettate anche le prepagate, come probabilmente già saprai. In questo caso, vediamo quali altre condizioni sono poste ai proprietari di carte di credito.

Innanzitutto il titolare della carta e del conto Paypal devono coincidere, quindi niente carte di amici e parenti sul proprio conto Paypal. Potrebbe comunque essere usabile dalla finestra di singolo pagamento che spunta quando non si vuole creare un account sul sito, per eseguire una sola transazione, a patto si abbiano tutti i dati a disposizione.

PayPal

Altra clausola importante è che tutte le carte di credito utilizzate devono poter avere accesso all’estratto conto elettronico o cartaceo, pena l’impossibilità di verificare Paypal e procedere con i pagamenti. Infine, una vera e propria limitazione per contenere eventuali danni da “conto in rosso”, è che con un conto italiano, non è possibile registrare carte di credito estere, ma solo quelle rilasciate in Italia. I motivi potrebbero essere molteplici, ma il più accreditato è sicuramente i problemi di comunicazione di alcuni istituti esteri al momento del recupero crediti, opera che si rende necessaria qualora si sfori il budget a disposizione.

La procedura

Per poter pagare (e ricevere denaro!) con la propria carta di credito su Paypal, il procedimento è del tutto simile a qualsiasi altra carta: dopo aver registrato un account sul sito, basterà andare nella sezione per aggiungere o rimuovere una carta, inserire i dati richiesti (nome, cognome, circuito, numero della carta, scadenza e numero di sicurezza) e procedere con il processo di verifica di quello che è stato appena inserito. È importante capire che, al momento del pagamento, l’effettivo movimento sarà registrato sull’estratto conto con 1-2 giorni di ritardo, quindi non sarà immediato. Per i venditori, questo processo è necessario per ricevere pagamenti e prelevare soldi dal conto Paypal.

In conclusione

Paypal pone qualche piccola clausola al processo di registrazione, ma al di là di queste richieste, non pone alcun problema all’uso di carte di credito, le quali sono trattate alla stregua delle carte di debito prepagate o ricaricabili. C’è anche da dire che le richieste che l’istituto americano pone per la registrazione sono sensate: impossibile controllare il codice della transazione di prova di Paypal per verificare l’account, se non c’è una lista movimenti dove vedere suddetto codice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *